Prestiti senza garanzie con doppia mensilità: come funzionano, cosa sono, richiesta, fasi

126

Indice dei contenuti

I prestiti sono degli strumenti finanziari che vi permettono di ottenere liquidità per affrontare delle spese impreviste o per non intaccare i vostri risparmi di una vita. Vengono incontro a numerosi bisogni sia che siate privati cittadini e sia che siate titolari di un’impresa o di un’attività, per acquistare beni o per usufruire di servizi, dilazionando i costi nel tempo.

In base alle vostre necessità e ai requisiti che potete presentare, potrete scegliere tra diversi prodotti finanziari sul mercato. Ma cosa succede se dovessero mancarvi le garanzie necessarie che solitamente richiedono istituti di credito e finanziarie? Anche per questa situazione esistono delle soluzioni, e tra queste ci sono i prestiti senza garanzie con doppia mensilità, adatti se siete dipendenti pubblici o privati ma non potete disporre di un garante, oppure avete un pignoramento in corso, che sono tra le cause maggiori di rifiuto nel caso in cui richiederete molte altre tipologie di prestiti.

In questa guida approfondiremo l’argomento, chiarendo come richiederli e come ottenerli.

Prestiti senza garanzie e cessione del quinto

Per spiegare al meglio cosa siano i prestiti senza garanzie con doppia mensilità, dobbiamo prima parlare della cessione del quinto dello stipendio o della pensione, ovvero di una tipologia di finanziamento che vi permette di ottenere un prestito la cui rata mensile sarà trattenuta mensilmente direttamente dalla vostra busta paga.

La rata non può essere superiore a un quinto dello stipendio e questo tipo di finanziamento, in Italia, è tra i più utilizzati dai dipendenti pubblici, statali e privati nonché dai pensionati, in quanto può essere richiesto anche se avete problemi di insolvenza o non potete contare sulla presenza di un fideiussore, quindi in assenza delle garanzie fondamentali che solitamente richiedono banche e istituti di credito.

Questo perché la vostra posizione lavorativa e la presenza di una busta paga rappresentano già di per sé delle garanzie molto solide per i creditori, e poi perché i vostri principali garanti diventeranno lo Stato stesso, i titolari o l’ente pensionistico.

Quando richiedere una cessione del quinto

La cessione del quinto dello stipendio o della pensione è solitamente richiesta per ottenere piccole somme di denaro comprese tra i 15000 e i 75000 euro. Per ottenerla dovrete presentare la vostra ultima busta paga, la quale servirà alla banca o alla finanziaria a cui vi affidate per calcolare l’importo che dovrete versare mensilmente dopo l’accettazione del finanziamento. Insieme alla busta paga presenterete anche gli altri documenti necessari per la richiesta di qualsiasi altro prestito, ovvero la carta di identità e il codice fiscale, che consentiranno di identificarvi e di conoscere i vostri trascorsi creditizi.

I prestiti senza garanzie con doppia mensilità

I prestiti senza garanzie con doppia mensilità sono anche chiamati prestiti a doppia cessione del quinto, e rappresentano la soluzione ideale se siete lavoratori dipendenti e avete bisogno di molta liquidità in tempi brevi. In questo caso, vi sarà concesso un finanziamento con una rata mensile che non potrà superare il 40% (o i due quinti) del vostro stipendio.

I prestiti senza garanzie con doppia mensilità sono quindi prestiti con cessione del quinto raddoppiato.

Differenze con la cessione del quinto

A differenza della cessione del quinto, questa seconda tipologia non può essere richiesta se siete pensionati, ma solo ed esclusivamente se ancora svolgete la vostra attività lavorativa presso un’azienda statale, pubblica o privata.

Essenziale all’ottenimento del prestito, poi, è la presenza dell’accantonamento di un buon TFR (Trattamento di Fine Rapporto), ovvero della liquidità maturata presso l’azienda per cui lavorate, che solitamente non deve essere inferiore ai dodici mesi.

Il TFR rappresenta un’altra forma di garanzia importante per gli istituti di credito in quanto, se doveste in futuro licenziarvi o se il rapporto di lavoro dovesse interrompersi per qualsiasi altro motivo, banche e finanziarie potranno rivalervi su di esso per recuperare le somme che potreste non garantire più mediante il rimborso delle rate mensili.

Un’altra differenza tra la cessione del quinto e i prestiti senza garanzie con doppia mensilità sta nel fatto che, se nella prima i titolari delle aziende non possono mai rifiutarsi di concedere tale tipologia di prestito, possono invece farlo di fronte alla richiesta di un prestito con doppia mensilità. In sostanza, voi avete il diritto di chiederlo ma l’azienda o il titolare non hanno l’obbligo di accettarlo e potrebbero rifiutarvelo.

Perché richiedere un prestito con doppia mensilità

Se avete bisogno di molta liquidità, potete richiedere i prestiti senza garanzie con doppia mensilità, in modo da poter impegnare i due quinti del vostro stipendio.

Per farne richiesta, però, non dovrete avere impegni con altri tipi di finanziamenti, altrimenti i creditori valuterebbero negativamente la vostra domanda, in quanto i due quindi della rata più altri finanziamenti, in aggiunta al calcolo delle utenze mensili, potrebbero causarvi una situazione di indebitamento di cui i creditori potrebbero risultare i primi colpevoli, per cui nessuno se ne assumerebbe il rischio.

Se il vostro stipendio è molto basso, poi, è sconsigliabile richiedere una cessione del doppio quinto, perché potreste trovarvi in una situazione economica difficile da affrontare. Ovviamente la scelta deve essere personale e riguarda le vostre soggettive priorità e bisogni, per cui solo voi potrete decidere se volete affrontare o meno l’impegno che andrete a prendere.

Precisiamo, poi, che una cessione del quinto o del doppio quinto non può essere in alcun caso richiesta se siete liberi professionisti o possessori di partita IVA.

Per cosa possono essere richiesti

Potete richiedere i prestiti senza garanzie con doppia mensilità per fare fronte a numerose spese, come per esempio a quelle necessarie per acquistare una nuova automobile, l’arredamento per la casa, per sostenere delle spese mediche improvvise, per fare un viaggio di piacere o per ottenere liquidità in modo da affrontare le spese quotidiane con maggiore tranquillità e sicurezza.

Come abbiamo detto, questa tipologia di finanziamento è scelta da sempre più italiani, prima di tutto perché può essere richiesta molto facilmente, in quanto non si devono offrire altri tipi di garanzie oltre alla propria busta paga, e poi perché non ci si appesantisce con rate che, con altri prodotti finanziari, a volte possono essere davvero pesanti.

I prestiti con doppia mensilità hanno poi dei tassi di interessi non elevati, per cui si dimostrano essere davvero una delle scelte migliori per i lavoratori dipendenti.